mara carfagna sexy fumetto

mara carfagna sexy fumetto

Vado su Quotidiano Net e cosa trovo in cima?
Un articolo che dice che il ministro Mara Carfagna ha chiesto 900.000 euro a Repubblica.

Penso: “Borda! Eccone un’altra!”.

Cioè, ma non altro da fare che chiedere oceani di denaro perché la gente scrive di loro.
Ok, poniamo che qualcuno scriva male di te.
Io consiglierei di difenderti se vuoi, o meglio rispondere, tanto se son boiate verranno fuori, non avrai bisogno di chiedere tanti di quei soldi che un comune cristo non vede in tutta la vita.

Ma per fartene cosa poi? Io non capisco… per i danni… dice che sta male fisicamente poi, si ammala.
Cribbio, se ti stressa troppo fare il ministro, il personaggio pubblico allora abbandona, ma non ti mettere a chiedere soldi.
Certo quando avvia uno poi…
Si che poi, come dicevano ad Annozero ieri sera, tutti querelano tizio, caio e sempronio.
Ragazzi, ma se la gente normale dovesse far così nella vita di tutti i giorni buonanotte.
Ho capito che son giornali, tv, ma sei un personaggio pubblico.
Ma poi tutti quei soldi, ora vienimi a dire che ti ci vogliono tutti quei soldi.
Cos’è un risarcimento morale? Pensi che con quei soldi vinci chissà che cosa?
Pensa a farti rispettare nella vita senza dover per forza usare gli avvocati.
Fatti lodare se sei brava, rispondi a tono.

Tutti quei soldi, quanta gente ci si potrebbe aiutare e invece, questioni, soltanto questioni, gente che chiede soldi, così, tanto possono pagare avvocati su avvocati.
Ma si mettiamo zizzania oltre quella che c’è.
Occupiamo i magistrati, i tribunali, i giudici di pace o meno con boiate che lasciano il tempo che trovano.

Continua a leggere questo post

Prendo spunto da questo video, allegato al post di Beppe GrilloL’accappatoio selvaggio che il mondo ci invidia“, per riflettere sull’argomento “Berlusconi e le domande per cui poi denuncia e chiede risarcimenti vari ai giornali”.

Guardate, dal mio punto di vista personale, che sia Berlusconi o un altra persona, quali siano le domande e quali siano i giornali, non è nemmeno importante.
Il fatto è che, si, la gente non sarà tutta uguale, ci sarà chi è più intelligente, chi è più acculturato, ma in generale, se un giornale si mette a scrivere domande assurde o comunque rivolte a persone che non centrano con la vita di nessuno, per dire, un così detto “pinco pallino comune”, in media lo sa, come lo sa il giornale stesso.

Andiamo avanti, c’è un altro punto ivi collegato.
Ok, ognuno nella vita avrà i suoi altarini, quanto è innegabile che se sei una persona pubblica devi starci più attento per forza di cose, ma comunque sia, se non hai niente di che da nascondere, tranne che magari ieri hai mangiato il gelato di nascosto da tua moglie o tua madre che sia, il problema, non si pone, quindi, ti possono chiedere tutto quello che ti pare, ma tu, puoi rispondere senza alcun problema in quel caso o male che vada dirai “Oh cacchio mi han scoperto, si in effetti ieri ho mangiato il gelato.”.

Non finisce qui, perché l’indole umana, da sempre e tuttora comprende il fatto di provare i così detti sentimenti negativi.
Il saperli controllare o mostrare nel giusto momento, rientra poi se vogliamo nella così detta “Intelligenza Emotiva”.
Ma pazienza, come dire, purtroppo o per fortuna che sia, non siamo nati tutti Einstein.
Finisce che, molte persone, tante, se possono, se la rifanno in ogni caso col prossimo dando sfogo a cattiveria, vendetta, abuso di possibilità che hai al momento onde soddisfare le tue personali ragioni a discapito degli altri.
Ed è così che, per esempio, non per fare un collegamento diretto, ci sono sicuramente a zonzo persone che a costo di prendersi la loro soddisfazione, pagherebbero cifre pazzesche agli avvocati pur di averla vinta anche se, peggio ancora, non ce l’hanno, giusto perché han trovato quel buchino nel portone da forzare a suon di quattrini.

Continua a leggere questo post