Oggi vi propongo l’intervista completa di caparezza divisa in 5 parti in cui spiega il senso delle sue canzoni e del suo modo di pensare.




Non trovo giusto il trambusto, quando prendo posto non trangugio, ma degusto, a letto non la metto con il busto e non la frusto, non fisso l’abisso come Cousteau, ne lo spazio come Houston, non mi industrio nella fabbrica del lustro e degli eccessi dove i colpi bassi sono ammessi, stress e annessi concessi, basta, torna catalessi!. Torna!, torna catalessi, falli tutti fessi, torna catalessi, torna! torna! torna!. Colma questa vita disadorna, sciogli la catena e torna! torna! torna!.

Rit: Torna!, torna catalessi, falli tutti fessi, torna catalessi, torna. x2

Meglio uno stato di trans che il tran tran di troppi, transiti, la terra pare una tela di Kandinsky Vassily, progredisci respirando ossidi tossici, ordini pc che dopo un di’ sono fossili,
il futuro e’ come un piccolo coi boccoli, che con gessetti disegna cerchietti intorno ai bossoli,
cinge cadaveri con tratti in stile liberty, se lo rimproveri dovrai morire, non sei Misery.
Compra tutto ciò che ha detto lo spot, punta sulla roulette se non ti basta la slot,
gioca al lotto i tuoi BOT, porta in porto lo yacht, trova un cazzo di sponsor e un’orrenda mascotte.
Devi tessere un benessere frenetico che ti porta ad essere un messere nevrastenico
con crisi di panico che nessun rammarico per famiglie sotto il tiro di un fucile carico…

Continua a leggere questo post

Ecco il primo video da me prodotto :D 

Per aiutarvi a seguirlo ripropongo il testo della canzone commentato parte per parte. Per commenti e insulti non esitate :P

I delfini vanno a ballare sulle spiagge. Gli elefanti vanno a ballare in cimiteri sconosciuti. Le nuvole vanno a ballare all’orizzonte. I treni vanno a ballare nei musei a pagamento. E tu, dove vai a ballare?

Palese come il sole che la parola “ballare” stia in realtà per “morire”, contrapposizione che sarà ampiamente spiegata nel proseguio.

Continua a leggere questo post