morgan

morgan

Sinceramente, avrei anche evitato, ma comincia l’ennesimo sclero.
Certi argomenti più o meno inutili, fritti e rifritti, falsi o meno… sarebbe meglio parlare d’altro, ma il punto è proprio che… ci han veramente stancato!

Da un po’ di tempo, uno degli argomenti più gettonati è questo: un cantante che dice di drogarsi o essersi drogato ed il fatto che sia giusto o meno che partecipi ad un qualcosa di ormai scaduto come Sanremo.

Si perché… tanto si sa, è un po’ come il TG5: diamo spazio alle boiate, d’altronde, ne succede di tutti i colori, ci sono problemi seri di cui discutere ogni giorno, ma in fondo, perché non distrarre la gente con le boiate sulla cucina, sul gossip o facendo pubblicità agli stessi programmi schifosi che magari ci saranno dopo, che so, tipo il Grande Fratello o Domenica dio sa cosa.

Insomma, a seconda del livello, viene proposto un certo tipo di mangime, e bada bene, non è che bisogna per forza essere tristi, parlare di cose serie tutto il tempo, no assolutamente.
Ma tolto il fatto che anche nella comicità, nell’intrattenimento, c’è, se fatta bene, molta intelligenza anche, rimane che in certi ambiti ed in certi momenti si dovrebbe parlare di alcune cose, perché ce ne sono parecchie, ma parecchie da starci tutto il giorno, non solo un telegiornale o due.

Comunque, per carità, è giusto anche condire e speziare qua e là quel benedetto telegiornale, solo che… c’è modo e modo e… se si fa un giro dei canali generale, già possiamo rendercene ben conto, che non tutta la zuppa è la solita.

Ma in media, vuoi perché affoghiamo dentro pure lo stereotipo italiano nel quale l’italiano medio si nutre e fa il bagno nelle cavolate, nelle dicerie, nel fottersene di ogni cosa, come ad esempio poco fa fuori casa l’ennesimo ignorante che ha occupato il posto auto di un disabile, con conseguenti strombazzamenti ormai periodici nell’arco del tempo… vuoi vuoi vuoi… tiran le cavolate.

Che poi cavolate in realtà non sono da un certo punto di vista, è che lo diventano, oppure sono proprio create ad hoc? MMmmmah!

Continua a leggere questo post

annunciatrice tv

Le annunciatrici tv sono una figura che aveva un significato e un utilità concreta all’inizio della storia della televisione. Ipotizzo che essendoci più persone analfabete, meno soldi, meno giornali, meno mezzi di informazioni dove reperire il palinsesto, i programmi odierni, questa figura aveva una sua utilità più marcata, oltre ok alla sua figura eventualmente gradevole per il telespettatore.

Ma adesso nel 2000 dove cosa c’è in tv lo vedi ovunque dal giornale gratuito come Metro a un qualsivoglia sito Internet, televideo e chi più ne ha ne metta, mi spiegate che senso ha l’annunciatrice tv?

Continua a leggere questo post