Viviamo in una società sempre più caotica.

I valori a cui eravamo abituati non esistono più:sono molti i giovani che non credono più nella religione,che non danno il giusto valore alla famiglia e al rispetto di essa.

Facendo catechismo ai ragazzi delle medie mi accorgo come essi siano diversi da come eravamo noi.

Noi ascoltavamo i catechisti,pregavamo,esprimevamo nostre opinioni,nostre proposte su argomenti su cui lavorare.Questi ragazzi invece non ascoltano a qualsiasi domanda gli faccio non sanno rispondere,gli ho chiesto cosa fosse il paradiso e la risposta che ho ricevuto è stato un booo o un non esiste,per molti il paradiso è un posto dove vanno solo i buoni,non sanno niente sul perdono universale,e devono fare la cresima?!!

Noto che oggi la società porta gli adolescenti a crescere sempre prima del solito.Ricordo me a dodici anni che ancora giocavo con le bambole e vedo mia sorella a dodici anni fissa al computer,già col cellulare e già vuole uscire con le amiche.I compleanni io gli festeggiavo sempre a casa facendo giochi organizzati da mio padre oggi invece è diventato obbligo andare in pizzeria.

Anche la moda è cambiata,vediamo ragazzine di soli 12 anni vestite tra poco come prostitute con mini gonne,pance di fuori,o jeans a vita bassissima.E poi ci si stupisce che le violentano!!

A 13 anni credono già di essere grandi e le senti parlare già di sesso.Fumano sigarette e bevono birra come gli alcolizzati,vanno in discoteca e tornano alle 4 di mattina.Insomma con una società così dove si va a finire??

Ritengo che la società fa il suo,ma chiediamoci è solo essa a fare il danno?oppure sono anche i genitori che di fronte a una società che offre sesso anche in tv a tutti i programmi,di fronte ad una moda che veste anche i neonati come adulti ci siamo arresi??