volantino gay

volantino gay

(Cliccare sull’immagine per aprire / scaricare il relativo PDF)

Un amico che partecipa a questo sito web mi segnala questo volantino riguardo il fatto che la chiesa o vaticano che sia, siano contrari ai gay e sostengono la loro persecuzione che in alcuni paesi prevede la pena di morte.

Ora, io sono maschio, uomo, eteresessuale amante delle donne, della loro anima quanto il loro stupendo corpo, meraviglioso causa “madre natura”, ma ho anche amici gay, anche per lavoro e la loro preferenza sessuale non ha mai impedito un rapporto di amicizia o di lavoro che sia, perché l’importante, ricordatevelo sempre è rispettare il prossimo senza recargli fastidio.

Tra l’altro questo dovrebbe essere incluso nel concetto che sta alla base di ciò che insegnava Gesù Cristo e quindi anche la chisa, il vaticano ed il Papa, yes, all toghether!

Un altro amico mi chiese tempo fa che cosa significasse “coscienza cristica”.
Ebbene, cercherò di rispiegarlo in proposito per come posso, nonostante quel poco di libri riguardo alcuni argomenti che io ho letto e probabilmente ancora leggerò.

“Coscienza cristica” significa pensare, essere come Gesù Cristo ovvero raggiungere un livello tale, se volete, nostro, per il quale senza il minimo sforzo ne pensiero riusciamo ad amare gli altri appunto come noi stessi comprendendoli in tutto e per tutto, sia nel bene che nel male.

Ama il prossimo tuo come te stesso, rispettalo, perché lui è te, tu sei lui e tutto è… tutto, come magari stava dimostrando già in punto di morte tramite la fisica Einstein.
La scienza tuttora lavora a ciò, grazie anche al fantastico mega frullatore entrato ora ora in funzione al CERN di Ginevra.

Ma astraiamoci da ciò, astraiamoci dal fatto che sia esistito o meno Gesù Cristo, dalla scienza e così via.

Concentriamoci però sul prendere per dato di fatto ciò che nella realtà è comunemente preso per dato di fatto, Gesù, la chiesa, il cristianesimo, il Papa.

Benissimo, basandoci su tali questioni dovrebbe risultare naturale per la Chiesa cercare di capire gli omosessuali e non sostenere la loro morte.

Ma come si fa, a volte mi chiedo io a star dietro a chi nel medioevo ti diceva “Guarda l’uccellino, lo vedi il Cielo, ecco poi ci vai, ma solo se ora mi dai una saccozza di monete in cambio del fatto che ti confessi”.

A proposito, correggetemi se mi sbaglio, fatevi avanti, parliamone, discutiamone tutti insieme, questo è sempre l’obiettivo.

Come agli occhi miei, ma anche di tanti altri risulta spesso assurdo che il Papa e chi vi è dietro sia praticamente, come da quasi sempre, un re, un capo di stato, per noi quasi secondo, o a volte anche primo, che in ogni cosa che succede deve metter bocca.

Accendi la tv e… zacchete!
Telegiornale, è successo il fatto x e il Papa di che così cosà colà e io come tanti altri pensiamo “Ma che me ne frega a me dell’opinione del Papa scusa? Mica se ne deve occupare lui.”.

Infatti, se qualcuno ha studiato un minimo storia e io giuro che se tornassi a scuola la studierei più di quanto ho fatto, ma purtroppo, non tutti, ma qualcuno, lo capisce solo dopo l’importanza di leggere qualche libro, dovreste sapere di come funzionavano le cose un tempo e che solo recentemente, o forse apparentemente pure, vi è una divisione tra stato e chiesa, ma qualcuno, molti pure, sostengono che è solo finzione, che la chiesa in qualche modo è la setta, l’organizzazione più potente che esista, prima o dopo il sistema economico-bancario lascio a voi di stabilirlo ehe!

Certo poi cerco di giustificare nella mia bontà e dire “Beh, ma la papamobile serve dai, se no lo uccidono subito e l’organizzazione che del bene cerca di farlo cadrebbe e…”, ma un’altra parte di me insiste “Cribbio, ma invece che tutti quei vestiti colorati, quelle cerimonie, quei discorsi, perché non si mettono un cencio addosso e vanno ad aiutare gli altri davvero sul campo, ma proprio tutti e con tutti i loro immensi averi?”.

Come se fosse semplice, per non parlare dei papa boys o anche girls, o dell’immensa generazione di vecchiette di cui fa parte pure una mia nonna che vanno alla messa magari tutti i giorni, forse più per compagnia e speranza in qualcosa che non conoscono loro come forse tutti noi, che per altro.

Ipnotizzati tutti dalla paura e dalla condizione nonché la cultura in cui siamo nati.
Se mia nonna era nata in Arabia forse si inginocchiava verso il sole a pregare sopra di un tappeto.

Ma come si può pretendere che tutti facciano certe riflessioni.

Eppure per alcune persone tutto ciò è innato, credo sia così e mi ci includo poiché io mi son sempre sentito estraneo a certe cose, ma comunque più vicino degli altri a certi concetti, all’universo o a quello che noi vogliamo chiamare “dio” come per dare il nome a una variabile di entità sconosciuta in rappresentanza di qualcosa che in generale non potremo mai quantificare da cima a fondo… se no… che razza di infinito sarebbe?

Tutto ciò è ridicolo, ma la cosa carina sta nella speranza che danno molte persone in quest’era pur sia costellata di boiate assurde in parallelo a tanti che effettivamente si risvegliano, vuoi per il tempo in sé, vuoi per un motivo, per un altro o per Internet che libera le informazioni in modo più libero e instantaneo possibile, tanti in ogni caso iniziano a pensare.

Tanto è vero che certe profezie riguardo la fine della chiesa appaiono quasi ovvie se per esempio dibattute se banali esempi del tipo, confrontiamo quanti tuoi amici si fanno prete ora e quanti si facevano prete / suora che so io… due secoli fa?

Come se non si sapesse che all’epoca, o se vuoi come sempre, qualcuno alla Don Abbondio lo faceva per stare sicuro, partendo dal concetto economico per finire in quello di vita stessa.

Ma se volete facciamo un giro di giostra tra i vari pedofili, quelli che si sposano e via dicendo, sottolineando il fatto che con i primi bisognerebbe trattarli come qualcuno che ha un problema e risolverlo senza diventare dei barbari o dei carnefici per quanto odio comprensibil e possibile sia racchiuso in un cuore umano e con i secondi lasciarsi ancora una volta all’idiozia di tutto ciò, in cui un vero Gesù Cristo, sempre che questo sia stato effettivamente il suo vero pensiero, non c’è bisogno di essere degli eremiti casti e puri su un eremo per professare l’amore.

Certo è che la rinuncia a qualsiasi cosa sia materiale sotto certi punti di vista ti aiuta, un po’ come la sofferenza è la madre di tutte le insegnanti, ma bisogna ricordarsi che è tutto relativo a noi stessi e alla nostra volontà.

Voglio fare uno dei miei esempi scemi.
Se una persona va in discoteca e un’altra si legge un libro anche se è sabato sera, non è detto che una sia più felice dell’altra e viceversa, ne tantomeno idiota o che altro.

Tutto dipende, dalle nostre scelte e da quello che dobbiamo fare quanto imparare.

Tornando al discorso gay, omosessuali e via dicendo, certo pure io non sono un santo e non godo insinuando nella mia mente certe scene o ipotesi, ma non ce l’ho mai avuta con cui non mi reca fastidio e io l’impegno per non arrendermi a pensieri da ignorante ce la metto tutta!

Potremmo analizzare mille questioni.
Potremmo dire che chiunque in media preferisce avere vicino a se gente che LUI, reputa NORMALE, ma cos’è NORMALE?

Anche questo è un concetto del tutto relativo.

Riportando un esempio che ormai riuso, un nero in una tribù di una landa persa per il mondo magari pensa che sia normale girare seminudo per la sua terra con un osso di non so cosa conficcato a mo’ di piercing nella carne, mentre voi reputate normale fare altre cose e via dicendo.

Si possono fare altre suddivisioni e dire, si questo è salutare, questo mi serve a… questo invece…
Possiamo dire che attualmente per la gente è normale passare ore a prendere il sole come porcelli a rosto su una distesa di micro sassolini chiamata spiaggia, cosa sulla quale non vi è niente di male se non fosse che la maggior parte lo fa solo perché “il mondo” esterno gli ha detto che è cosa buona e giusta quasi come se fosse obbligatoria e chi ha poca come dire, “mente” non riesce a sentirsi felice se non fa parte del gruppo di turno.

Non fosse che sia solo una moda e che un po’ è bello e fa bene, ma l’eccesso invece tutt’altro, tumori annessi, vecchiaia, radicali liberi e chi più ne ha ne metta.

Ma per fotuna qualcuno che si gode il sole, il mare, senza essere una pecora imbecille che pensa che se non è abbronzata a tutti i costi non gliene impippa nulla di cosa pensano gli altri c’è ogni tanto.

Non voglio poi dilungarmi su questioni di moda, convenienza sociale, del tipo devo rientrare in certi schemi anche magari in modo falso, per muovermi come un infido pesce danzando tra i vari pesci di questo immenso lago la cui corrente io contribuisco a generare e non seguo se non per comodo mio, anche se è indubbio dire che, il top è sempre chi lo fa senza mettere falsi vestiti, ma rimanendo sé stesso al 100%.

C’avrete capito qualcosa?

Ad ogni modo si possono fare esempi e discussioni sul fatto che sia giusto o meno che due gay, non tantomeno creino una famiglia come struttura di persone che si sostengono tra di loro in modo economico, giuridico, morale etc, ma sul fatto di adottare per esempio bambini.

Ora, dico io, meglio un bambino cresciuto da due gay o due lesbiche che siano, che un bambino da solo sotto un ponte a morire e via dicendo.

Senza contare che, qua in Italia… sèèè bona… ma in altri paesi, basta guardare anche qualche stralcio di programma in tv per vedere che esistono benissimo casi come questi di persone ormai adulte cresciute da coppia di gay o lesbiche e probabilmente stanno meglio in tutti i sensi di voi… altroché!

Ragazzi, sconfiggiamola, questa ignoranza!

E ora me ne vado a magnà, finché si può che non è mai poco, fateci mente locale! :D

Mi auguro questo mio pensiero scritto di getto vi sia piaciuto, per qualsiasi intervento, datevi una mossa, usate i commenti, iscrivetevi al sito e scrivete anche voi, perché qui siamo totalmente aperti al dialogo con tutti, qualunque sia la vostra opinione, ma non ovviamente ad insulti ed ignoranza, per chi rientra nell’ultimo insieme, l’unico sforzo che si può fare è cercare ancora una volta di aiutarlo! ;-)

  • http://www.planetpeace.altervista.org Andrea

    E la chiamano pure la Santa sede? Ma stiamo forse scherzando? Ovviamente, anche tra i preti ci sono pure quelli che sono, come si dice a Firenze, dei ganzi. Ma non perchè hanno o sono amanti di qualcuno. Ma perchè sono persone che amano il Prossimo. Mi spiace veramente dirlo,ma in questo momento, il caro Papa attuale, e scusatemi nuovamente, ma non riesco neppure a scrivere il suo nome, non sa nemmeno cosa voglia dire amare. E questo è incoerente con la rappresentazione che un Papa dovrebbe avere e portare. Deve portare Amore e pace e non odio. E quello che è più grave è che molti gli sbavano dietro e magari gli baciano pure i piedi. Ma sapete cos’è l’amore? Sapete chi è? Ve lo dico io se non lo sapete o fate finta di non saperlo. E Dio l’amore. Dio che da quanto amava l’uomo, non ha potuto fare in modo che l’uomo stesso non accettasse il famoso frutto proibito. Perchè altrimenti avrebbe interotto l’amore.
    L’Amore non deve essere mai interrotto, altrimenti non è puro amore. E secondo voi l’attuale Papa rappresenterebbe l’amore ?. Per fare una battuta, anche la comica di una programma televisivo,diceva: ” ma non potete sempre dire di no a tutto!” facendo riferimento al Vaticano. Lei è una comica, e noi ridiamo sulle sue battute. Ma ci sarebbe da piangere.

    Ci credo io che la Madonna piange. Piange perchè vede delle crudeltà inaudite. E poi abbiamo Gesù che guarda caso muore all’età di 33 anni. E non aggiungo altro. Ma in che razza di mondo si vive? Aprite gli occhi, guardate il cielo perché là ci sono tutte le risposte dell’infinito Amore. Un ‘Amore che non ha limite. E scusate se mi ripeto, ma quando io ho fatto un sito dove al primo posto esiste l’Amore e il Bene, permettetemi di rabbrividire di fronte a certe scelte Vaticane che non stanno ne in cielo e ne in terra.
    Vogliamo forse tornare al MedioEvo, quando gli omosessuali chiamati finocchi perchè venivano bruciati vivi buttando loro addosso dei semi di finocchio per attenuare l’odore della carne bruciata? Vogliamo tornare ai campi di sterminio? Alle camere a gas? E via dicendo?
    Io sarò pure considerato un pazzo, ma Il Papa e i suoi stretti sudditi secondo voi come sono? Io che non vedo la diversità perchè non esiste e non è mai esistita, mi tocca scrivere la parola pazzia o normalità.
    Perdonatemi, ma sono stato veramente costretto. Però sostengo la mia tesi che: ” non esiste ne diversità ne anormalità” Ognuno è semplicemente se stesso, e credetemi che se ognuno lo sapesse sarebbe veramente felice di essere quello che è. E’ molto forte questo discorso o mio concetto o come volete chiamarlo voi lettori, ma vi garantisco in mio nome Andrea, che mi assumo tutte le responsabilità nell’affermare ciò. E sapete perchè ?
    Perchè qualcuno ha inventato le Etichette per distinguere gli uni dagli altri, o l’uno dall’altro. E là dove le etichette dovrebbero davvero stare ( mi riferisco a tutti i prodotti in commercio, cibi e quant’ altro ), non ci sono. Le date di scadenza scritte a caratteri piccoli che impieghi ore per trovare, oppure la scritta di provenienza mancante, oppure i prezzi. Su molti prodotti non esiste il prezzo ma il codice a barre. Questa è la Nostra cara e bella società, dove nessuno vuole avere delle responsabilità. Nessuno è stato ma il morto è visibile sulla bara.
    Scusatemi tanto davvero, non voglio offendere nessuno ma in questo momento piango e penso a tutte le stragi che hanno colpito persone innocenti. Penso ai bambini che continuano a morire di sete, bambini che non potranno avere un futuro solido se nessuno di Noi fa nulla.
    Io Amo cosa posso fare più di così. Posso suggerire:
    proviamo ad indossare magliette con la scritta Amore invece di scritte volte al male. Giocattoli che dicono ama invece di dire: sono l’energia del male.
    E voi writers che tappezzate i muri con disegni, provate a scrivere Amore, Bene e Pace sui muri. Fate vedere immagini serene, allegre, piene di gioia. Tutto ciò che è amore spaventa coloro che amano il male.
    Questa è la comunicazione che deve essere presente in tutto il mondo. Perchè la polemica negativa porta solo altra polemica negativa e nulla risolve. Polemizzate invece con frasi d’amore, provateci. Amare è dare senza ricevere. Scusatemi davvero se magari non ho rispecchiato il tema qui sopra.
    Ma adesso cerco di tornare in careggiata. Quindi parlavamo di Chiesa? Ma ci siete mai stati a Sitges? Là i Gay,così qualcuno li vuole chiamare, camminano tranquillamente mano nella mano, oppure se ne stanno abbracciati l’un l’altro. E sapete cosa mi ha veramente colpito ? Che le coppiette uomo donna, neppure facevano caso a quello che accadeva attorno a loro. Eppure erano italianissimi, perchè a Sitges è pieno di italiani che non sono Gay. E qui se due ragazzi si tengono per mano vengano stramazzati di botte da gente che non sà come arrivare a fine giornata. Gente che parla male dei gay e magari ci finisce per andarci a letto tradendo donne moglie etc. Ed i figli ignari di avere padri traditori, e per giunta gay? No scusatemi,volevo dire bisex. Ma per favore ma sono forse barzellette? Ne avrei tante da raccontare. Ma non ha senso alcuno, perchè verrebbe a crearsi solo rabbia nei miei confronti, e non voglio. Tengo a precisare che espongo solo dei fatti reali, concreti e non illusioni come coloro che mentono spudoratamente pur di non dire e affrontare la vera realtà.
    E questo forse è il Papa attuale? Mente perchè come Hitler era Hitler e tutti gli altri un nulla. Solo spazzatura da togliere dalla strada. E siamo nell’anno 2008 ?
    E’ una delusione pazzesca. Vedere che chi è portato sul banco degli imputati invece di uscire allo scoperto, continua a rintanarsi in locali spiagge appositamente create magari anche da loro stessi.
    Non deve, non deve accadere. Come Loro non devono denigrare, Voi non dovete solo piangervi addosso. E se penso al Gay pride, vorrei che questo non fosse fatto una volta, ma tutti i giorni, perché tutti noi viviamo tutti i giorni, e tutti i giorni dobbiamo portare con trionfo la nostra esistenza. La nostra vita che altro non fa se non quello di esistere. Fare baldoria un solo giorno serve, non dico di no, ma poi coloro che festeggiano vengono successivamente dimenticati alcune ore dopo. E poi tutto torna come prima. E qui ecco il mio pensiero positivo di massa che scende in campo. E’ vero i “gay” sono pochi, senza tirare in ballo i “ bisex” ma se tutti assieme camminano mano nella mano a nessuno potrà essergli fatto alcun male. La massa vince. Ma soprattutto vince la forza dell’amore. Ciao a tutti da
    Andrea.